Barlumi 2019 – Pellicole ad alta contaminazione

  • Categoria: cinema eventi homepage

BARLUMI – Pellicole ad alta contaminazione
EDIZIONE 2019
Giardino di ANPI Verona
proiezioni in lingua originale con sottotitoli

19.06
LIBERATION DAY
regia di Ugis Olte e Morten Traavik (Norvegia, Lettonia, 2016, 100′)

26.06
BEAUTIFUL THINGS
regia di Giorgio Ferrero & Federico Biasin (Italia, 2017, 97′)

03.07
CORPO A CORPO
regia di Francesco Corona (Italia, 2018, 68′)

aperitivo con musica h. 20.00
proiezione h. 21,30 circa
in collaborazione con/presso ANPI Verona
Via Cantarane 26

Entrata a offerta libera, evento aperto al pubblico
———

LIBERATION DAY
Festival: International Documentary Festival Amsterdam 2016

Liberation Day (2016), diretto da Morten Traavik e Uģis Olte, è un documentario sul concerto dei Laibach a Pyongyang, primo gruppo straniero a suonare nella Corea del Nord.
I Laibach, band industrial slovena nata nel 1980, in quella che ai tempi era la Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, provocatoria e sperimentale, sono stati spesso oggetto di contestazioni e critiche per l’uso di simboli forti e ambigui legati in particolare all’estetica nazista, dalla quale però i Laibach si sono sempre dissociati.
Il film racconta il processo di preparazione del concerto, nel quale si assiste al confronto tra ideologie e approcci culturali completamente diversi, ai compromessi con gli incaricati del governo per la censura per salvaguardare l’integrità artistica della band senza offendere il governo e il pubblico nordcoreani. La band si esibisce in occasione della Festa della Liberazione del paese, mentre sul confine tra Corea del Nord e Corea del Sud la situazione si surriscalda e i due paesi sono pronti a entrare in guerra.
I film è un bel documento di storia sociale che apre una finestra su un paese in cui vige uno dei sistemi totalitari più rigidi, considerato tra i paesi con il più alto livello di corruzione e di violazione dei diritti civili.

———-

BEAUTIFUL THINGS
Premi: Miglior film italiano 74a Mostra del Cinema di Venezia Giuria Arca, under 26

Beautiful Things è un viaggio, una storia in quattro atti dove immagini, parole e suoni sono insolubili tra loro. Quattro mondi che si intersecano in cui perdersi. I protagonisti del film conducono vite lontanissime dalle nostre ma i loro fantasmi nell’armadio ci fanno sentire parte di un unico disegno. Il film è stato scritto con un approccio musicale, come una partitura in cui le note, le immagini e le parole hanno lo stesso peso e ognuna cerca la propria geometria tra le righe. Il film è dedicato a noi che non sappiamo vivere senza
collezionare oggetti semi inutili. A noi tossici viziosi, bulimici accumulatori. A noi che non riusciamo a vivere nel silenzio. A noi che non riusciamo ad addormentarci senza Netflix nelle orecchie. A noi che accettiamo l’idea che la vita possa precederci ma non che i nostri oggetti ci possano sopravvivere. Questo film è un modo per sfuggire il nostro stile di vita da cui non riusciamo ad uscire in alcun modo.
I brevi quadri della quotidianità di una coppia che si intersecano all’impianto narrativo principale del racconto sono le vite degli autori del film stesso. La generazione dei robottini, delle prime chat porno, dei peluche dell’Ikea. Abbiamo cercato attraverso la nostra malinconia di raccontare l’urgenza di un ritorno al silenzio, la ricerca di un respiro libero dalla compressione della vita immolata al rumore.

———-
CORPO A CORPO

Premi e festival: Thessaloniki Documentary Film Festival 2019: Human Condition, Festival dei Popoli 2018

Ridotto in fin di vita da un abuso della polizia, un allevatore di tori bresciano, con un passato da ultrà, lotta con il proprio corpo ferito e intanto non smette di chiedere giustizia. Realizzato lungo oltre dodici anni di osservazione costante, Corpo a corpo è un lungo atto di resistenza che riferisce della via crucis affrontata dal protagonista per trovare una nuova identità di uomo. Questa è la storia di Paolo, che tende il suo corpo tra la terra e il cielo.

———-

LA RASSEGNA

Barlumi – Pellicole ad alta contaminazione
Un ciclo di documentari all’aperto, nato a Giugno 2017 come collaborazione tra Interzona e altre associazioni per interrogarsi sul modo in cui contaminiamo lo spazio che ci ospita – e ne veniamo a nostra volta contaminati.

Proiezione Sulle Sue Spalle

  • Categoria: cinema eventi homepage

Direzione Zona XX – Prospettive Femminili | Sulle Sue Spalle

Il terzo e ultimo appuntamento della rassegna “zona xx”, organizzata in collaborazione con la Fucina Culturale Machiavelli, ci porterà nella vita di Nadia Murad, Premio Nobel per la pace 2018 e attivista per i diritti umani.

H. 20:00 apertura e aperitivo
H. 21:00 inizio film
Costo: 5€

_____________________________
Sulle Sue Spalle
Regia: Alexandria Bombach
Stati Uniti- 2018 – 94′
Lingua: Inglese
Sottotitoli: Italiani

Dopo essere sopravvissuta al genocidio degli Yazidi nell’Iraq del nord del 2014 ed essere sfuggita alla alla cattura e alle violenze subite per mano dell’ISIS, la giovane Nadia Murad a soli 23 anni testimonia davanti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che viene ascoltato in tutto il mondo.

Nadia diventa immediatamente il volto degli Yazidi – una minoranza religiosa storicamente perseguitata e senza voce. Nonostante desideri una vita normale lontano dalla fama, Nadia assume il ruolo di attivista nella speranza di fermare il genocidio in atto e di portare i comandanti dell’ISIS davanti alla giustizia.

Uno studio commovente del sentiero vertiginoso che ha preso la vita di Nadia – dai campi per rifugiati in Grecia alle interviste con i media in cui apre il suo cuore, ai discorsi emotivamente estenuanti davanti alle Nazioni Unite ed un’infinita serie di incontri uno-ad-uno con ufficiali di governi importanti – il film espone la disparità tra il peso che questo lavoro ha per Nadia e la sua determinazione.

Con una precisione ed eleganza formale che si abbina bene con l’atteggiamento calmo e serio di Nadia, la regista Alexandria Bombach ci porta all’interno di un viaggio estenuante, destabilizzante, carico di dolore personale e di profonda urgenza etica.

(Fonte: Iwonderpictures)

Proiezione Regarding Susan Sontag

  • Categoria: cinema homepage

Interzona e Fucina Culturale Machiavelli presentano una nuova mini rassegna cinematografica di documentari che indagano diversi punti di vista femminili: la Zona XX.
Il secondo appuntamento della rassegna “zona XX”, organizzata in collaborazione con la Fucina Culturale Machiavelli, ci porterà alla scoperta della prospettiva di Susan Sontag, una delle intellettuali più influenti del 20° secolo.

Presso la Fucina Culturale Macchiavelli (Via Madonna del Terraglio 10, Verona)
Apertura alle ore 20.00
Inizio proiezione alle ore 21.00
Ingresso: 5 euro

Continue reading

Comunicazione ai soci

  • Categoria: homepage Non categorizzato

Fondazione Cariverona, proprietaria dello stabile, ha comunicato ad Associazione Interzona di dover liberare gli spazi della sede, il magazzino 22, entro le prime settimane di novembre per dar corso ai previsti lavori di riqualificazione dell’area.
Interzona, Fondazione Cariverona e Comune di Verona sono già al lavoro, in un clima collaborativo e costruttivo, per trovare una soluzione soddisfacente per tutti, e che permetta all’associazione di proseguire con le proprie attività.
Pur nella consapevolezza del disagio temporaneo che questa necessità comporterà tanto per l’associazione e i nostri soci quanto per lo scenario culturale veronese, crediamo che ogni cambiamento porti con sé nuovi stimoli e rinnovate energie, e che assieme sapremo affrontare il 2017.
Considerando che Interzona è un’associazione che si basa sul lavoro volontario, non sarà facile e servirà l’aiuto di tutti. Se desiderate dare una mano, contattateci via mail e saremo felici di avervi attivamente tra noi.
Continuate a sostenere e supportare Interzona.

Fondazione Cariverona, owner of the space, has informed Associazione Interzona that the premises of the association inside warehouse #22 will have to be cleared out within the first weeks of November, in order to enable the beginning of the renovation works in the area as planned.
Interzona, Cariverona Foundation and the Municipality of Verona are already working together, in a forthcoming and constructive way, to find a satisfying solution for all the parties and allow the association to carry on with its activities.
Despite the inevitable though temporary discomfort arising therefrom for the association and its members as well as the local cultural scene, we do believe that change implies new impetus and fresh energy, and that together we will be able to go through 2017.
Being Interzona an association based on volunteer work, we know it won’t be simple and everyone’s help will be necessary. If you wish to give us a hand, please send us an e-mail and we will be more than happy to have you cooperate actively.
Keep supporting Interzona.

Furto con scasso

  • Categoria: Non categorizzato

Durante la settimana Interzona ha subito un duro colpo.
Alcuni ladri si sono introdotti nella sede dell’associazione e hanno rubato materiale tecnico di valore, molto importante per le nostre iniziative.
È un episodio gravissimo mai accaduto prima d’ora, ma il furto non ci impedirà di andare avanti con le attività.
State vicini all’associazione e continuate a supportarla.

Comunicato

  • Categoria: Non categorizzato

Cari soci e care socie, Interzona sta continuando nel suo lavoro di revisione e creazione di nuove dinamiche. Questo porta con sé, certamente, alcune novità. Tra le tante attività in cantiere, oggi vogliamo parlarvi della nuova edizione di “Note a Margine – NaM”, un progetto di Interzona che nell’edizione 2014-2015, selezionato dalla Regione Veneto, si arricchisce e ri-definisce in una nuova chiave laboratoriale, rivolgendosi ai linguaggi musicali e sperimentali e proponendosi di coinvolgere giovani creativi nell’apprendimento di nuove modalità, forme espressive e nella ricerca di nuove sonorità.
Interzona, anche tramite questo progetto, vuole continuare a favorire occasioni di dialogo e confronto con musicisti e artisti di riconosciuto valore internazionale. Da qui l’idea di organizzare dei laboratori in cui i partecipanti, con il supporto degli artisti e grazie all’eterogeneità della proposta formativa, potranno entrare nel vivo della “produzione” del proprio percorso di ricerca musicale, sia in corso d’opera attraverso​ i diversi versanti ​tematici dei workshop, sia dando compimento ai laboratori stessi mediante stesure finali attuate nelle forme e modalità più congrue al lavoro svolto.​​
Note a Margine, in opera già dal 1996, ha rappresentato per molto tempo uno “spazio” utile ai giovani creativi in ambito artistico per portare la loro ricerca ​negli spazi dell’associazione e, oggi, si riattiva con un ulteriore importante livello di lettura del nostro contemporaneo.

Le prossime attività del progetto NaM sono in via di ultimazione.
In attesa di divulgare informazioni più precise, vi anticipiamo che i workshop avranno modo di emergere già questa primavera e continueranno in diverse fasi con cadenza (indicativa) mensile fino a fine 2015.

Oltre a quanto descritto finora, il lavoro di Interzona continua e non mancano grandi novità nei nostri prossimi appuntamenti, eccovi una preview:

  • 20 febbraio concerto dei Pere Ubu e dj set di Munk
  • NEW 14 marzo concerto di Miles Cooper Seaton degli Akron/Family con i C+C=Maxigross
  • 21 marzo live performance di Ryoji Ikeda con Supercodex
  • NEW 3 aprile concerto dei Dead Meadow
  • NEW 8 maggio dj set di Kode9
  • NEW 4 giugno concerto dei Thee Oh Sees